Psicoterapia

Psicoterapia

SEDUTE DI PSICOTERAPIA A ROMA

Che cos’è la psicoterapia?

Il termine psicoterapia affonda le sue origini dalle parole greche “psiche” (anima) e “therapeia” (cura) e significa dunque “prendersi cura dell’anima”.

É il percorso di trattamento messo in atto dal terapeuta con l’obiettivo di sostenere ed accompagnare il paziente nel suo cammino di guarigione.

La guarigione passa attraverso il trattamento dei disturbi psicofisiologici e ha come obiettivo generale quello di superare questi disturbi per ridurre la sofferenza emotiva, arrivare al benessere psichico e al raggiungimento dei propri scopi di vita.

Ruolo dello psicoterapeuta sarà quello di comprendere e definire il problema o malessere ed elaborare la strategia d’intervento più idonea al cambiamento ricercato. Non risolverà i problemi o le patologie del paziente, al contrario aiuterà quest’ultimo a capire come mai fino a quel momento si è bloccato nel superarli e lo sosterrà nel trovare le sue risorse interne e le sue strategie per uscire dai suoi disturbi o disagi.

Si stabiliranno degli obiettivi che saranno raggiunti attraverso la modifica di schemi mentali e comportamenti inadeguati dal contatto con le proprie emozioni e sensazioni da un maggior conoscenza del mondo interno, dove regna l’inconscio.

La psicoterapia è un metodo di cura efficace?

La prima cosa da specificare è quella di spazzare via i pre‐giudizi.
A volte si pensa che sia un tipo di cura deficitaria in quanto utilizza le parole e non i farmaci come fonte di cura.In realtà già da svariati anni, grazie all’utilizzo di macchinari di neuro imaging funzionale come Pet e Spect, strumenti di diagnostica per immagini, le neuroscienze hanno dimostrato come un percorso di psicoterapia arrivi a modificare, in termini positivi, la fisiologia, biologia e morfologia del nostro cervello e di tutte le sue complesse strutture connesse. Questi cambiamenti migliorano la sincronia, l’organizzazione e il funzionamento dei sistemi del nostro organismo, questo significa che ci aiutano a raggiungere il benessere psicofisiologico. Dobbiamo immaginare la nostra attività cerebrale come una fitta rete di neuroni, sinapsi e vie neuronali complesse che interagiscono con tutto il resto dell’organismo.Le funzioni mentali, funzioni emotive e le sensazioni fisiche e corporee di intrecciano e condizionano a vicenda. Questa interconnessione genera il nostro modo di pensare, sentire e comportarci e di vivere le relazioni. La complessità si forma già durante le prime relazioni significative, il nostro cervello si sviluppa e si forma anche in base alle nostre esperienze di vita, sia durante l’infanzia che durante l’età adulta. Il nostro modo di essere, di stare in contatto con le nostre emozioni e il nostro modo di vivere cominciano a strutturarsi sin dalla nascita attraverso le relazioni con le persone affettivamente significative.Quando queste relazioni sono problematiche o si subisce un trauma, si instaurano delle vere e proprie disfunzionalità in questo sistema complesso che é il nostro essere e da qui possono svilupparsi i disturbi psicologici come: Disturbi d’ansia, attacchi di panico, somatizzazioni, dipendenze, depressione ecc… La persona lavorando in psicoterapia con le emozioni, i pensieri, l’inconscio e i comportamenti riesce a trovare o ri‐trovare sé stesso. Eric Berne, fondatore dell’Analisi Transazionale diceva:

“Lo psicoterapeuta è un vero e proprio meccanico della mente”

Galileo, uomo speciale e grande scienziato scrive: “Non puoi insegnare qualcosa ad un uomo, puoi solo aiutarlo a scoprirla dentro di sé”.

In un percorso di psicoterapia è fondamentale focalizzarsi sul modo speciale di essere della persona che ci chiede aiuto.Carl Rogers scrive a proposito di questo:
“Sotto qualunque aspetto noi facciamo di una persona un oggetto ‐ sia mediante lo strumento diagnostico o analitico, sia percependolo impersonalmente in una cartella clinica ‐, non facciamo che ostacolare le nostre finalità terapeutiche: fare di una persona un oggetto si è rivelato utile nel trattamento delle malattie fisiche, non si è dimostrato utile invece con i pazienti psicologici.

Apportiamo un aiuto profondo solo quando nella relazione rischiamo noi stessi come persone, quando sperimentiamo l’altro come una persona con i suoi diritti: solo allora ha luogo un incontro ad una profondità tale da dissolvere il dolore della solitudine in entrambi, nel cliente come nel terapista.

È importante un buon rapporto con lo psicoterapeuta?

Direi fondamentale, la “relazione terapeutica” sicuramente è un contesto di cura efficace.
La natura e la sintonia nella relazione stessa favorisce dei cambiamenti nella gestione dei pensieri, delle emozioni e dei comportamenti.

Questi si traducono anche in veri e propri cambiamenti del nostro sistema cerebrale così come evidenziato da numerosi studi di neuro scienza.

Nella mente di uno psicoterapeuta

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

×

Powered by WhatsApp Chat

× Come posso aiutarti?